Kitagawa Utamaro (1754-1806), Hanamurasaki di Tamaya (part.), dalla serie  Seirō Nana Komachi (Le sette Komachi del quartiere del piacere), 1790.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

MUSEC – Museo delle Culture

Villa Malpensata – Riva Antonio Caccia, 5

LUGANO

GIOIE FRA I CAPELLI. LA COLLEZIONE ANTONINI

8 settembre – 25 novembre 2018

«Gioie fra i capelli. La Collezione Antonini» è un affascinante e inconsueto viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta dei pettini ornamentali. Oggetti d’uso e insieme tesori d’arte. Manufatti realizzati inizialmente per rispondere a esigenze funzionali, ma che ben presto si sono imposti per la loro valenza decorativa. Sino a ispirare grandi artisti e soprattutto il mondo della moda.

La Collezione Antonini donata al Museo delle Culture di Lugano nel 2016, è costituita da 1184 pettini ornamentali. Nello specifico è composta da 679 pettini di produzione europea, 252 provenienti dal continente americano e 233 provenienti dall’Asia; l’ Africa è rappresentata da 16 esemplari molto raffinati, l’Oceania da quattro pettini ornamentali.

La mostra è aperta dall’8 settembre al 25 novembre 2018, al terzo piano del MUSEC, ed è accompagnata da una serie di eventi e conferenze.

La storia del pettine rivela come questo oggetto, tanto familiare da passare spesso inosservato, sia ben più di un semplice ornamento per i capelli. I pettini si rivelano di volta in volta quali segni di bellezza, nobiltà, valore, rango sociale, potere economico, nonché maestria artigianale, gusto e creatività artistica. E questo per tutte le culture del mondo.

A Villa Malpensata sono esposti circa 700 pettini fra i 1.184 donati al MUSEC dai coniugi Gabriella e Giorgio Antonini. La mostra è completata da un corredo iconografico che aiuta il visitatore a contestualizzare il pettine ornamentale.

Nel bookshop è in vendita il catalogo che – oltre a essere una «guida» completa degli ornamenti da testa presenti in collezione – è anche, di fatto, il primo volume a carattere scientifico in italiano sulla storia del pettine ornamentale.

Orari di apertura da sabato 8 settembre

Tutti i giorni 14.00 – 18.00. Martedì chiuso.

Tariffe d’ingresso:

Intero: 5.- CHF

Sostenitore: offerta libera a partire da 10.- CHF

Gratuito: 0-16 anni, ICOM, AMS, Passaporto Musei Svizzeri, Raiffeisen

Per informazioni:

Tel. +41 (0)58 866 6960
e-mail: press@musec.ch

 

A corredo dell’esposizione sono previste conferenze e dimostrazioni di acconciature.

Qui ne trovate l’elenco accompagnato da una serie di letture di approfondimento:

GIOIE FRA I CAPELLI. Approfondimenti e conferenze

 

Inoltre…

Kitagawa Utamaro (1753?-1806), Yamauba Combing Her Hair and Kintoki, ca. 1801, polychrome woodblock print; ink and color on paper (part.). The Metropolitan Museum of Art, New York. Gift of Estate of Samuel Isham, 1914. (Dal sito del museo).

 

Nell’ambito dell’esposizione Gioie fra i capelli. La collezione Antonini:

mercoledì 19 settembre, alle ore 18

Leggiadre visioni: pettini e acconciature giapponesi tra storia e mondanità.

conferenza di Rossella Marangoni

La conferenza prende spunto dal piccolo corpus di kushi (pettini), kanzashi (accessori ornamentali) e kōgai (barrette per capelli) esposto in mostra per rintracciare, in un percorso storico, l’importanza dell’acconciatura e del pettine nella cultura giapponese, partendo dal simbolismo dei capelli e dei pettini nella religione popolare per arrivare agli spilloni delle cortigiane di periodo Edo e oltre, sino alla rilevante presenza degli accessori per capelli nelle occasioni formali che punteggiano la vita della donna giapponese contemporanea.

 

☛ Sala conferenze di Villa Malpensata (terzo piano).

☛ L’ingresso è gratuito sino ad esaurimento dei posti.

 

Set giapponese di legno laccato oro dell’inizio del periodo Meiji (1868-1912).
© 2018 MUSEC Lugano, Collezione Antonini.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Foto: Nipponica.

PARCO DEL CAVATICCIO

BOLOGNA

6 agosto 2018 – a partire dalle ore 18

Nipponica presenta:

 

Il Sole di Hiroshima

 

Il 6 agosto Nipponica organizzerà a Bologna, presso il Parco del Cavaticcio, l’ottava edizione dell’evento Il Sole di Hiroshima, la cerimonia delle lanterne galleggianti in ricordo delle vittime della bomba atomica del 6 agosto 1945. Durante l’evento chiunque, a fronte di una piccola donazione, riceverà una lanterna galleggiante in carta che potrà personalizzare con pensieri, preghiere o disegni. La cerimonia sarà celebrata accendendo tutte le lanterne e affidandole alle acque del laghetto del parco, dando così vita a uno spettacolo molto suggestivo ed emozionante.
L’evento, a ingresso libero, è organizzato a scopo di beneficenza e i fondi raccolti saranno devoluti in egual misura a Watanoha Smile, associazione giapponese impegnata nel recupero psicologico e umano dei bambini della scuola elementare di Watanoha, colpita dallo tsunami del 2011, ed Eta Beta, cooperativa sociale onlus di Bologna che assiste persone in situazione di fragilità e marginalità sociale con importanti progetti dedicati all’infanzia e ai diritti naturali dei bambini.
Durante Il Sole di Hiroshima, grazie alla collaborazione di ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione, andrà inoltre in scena lo spettacolo Il primo sole (… nel resto buio), con Donatella Allegro e Nicola Bortolotti, un viaggio sui ricordi dell’ultima estate, colti da una prospettiva infantile che traccia paesaggi sentimentali, prima che l’atomica del 6 agosto 1945 li bruciasse definitivamente. L’evento ospiterà anche Giorgio Amitrano, tra i massimi nipponisti italiani, che in occasione dell’uscita del suo ultimo libro, Iro Iro. Il Giappone tra pop e sublime, terrà la conferenza dal titolo Colori giapponesi. Dialogo in punta di pennello con Giorgio Amitrano, in cui racconterà il Giappone visto e vissuto in prima persona, un caleidoscopio cangiante che accorda l’alto e il basso, il solenne e il giocoso, la fragorosa velocità e l’intima nostalgia per la quiete e la lentezza. Nel corso della serata inoltre Eta Beta curerà un laboratorio per bambini che accompagnerà i partecipanti verso l’ideazione e la creazione spontanea di oggetti utilizzando materiali naturali e si ispirerà ai 10 diritti naturali dei bambini ideati da Gianfranco Zavalloni e in modo particolare al decimo, il Diritto alle sfumature: a vedere il sorgere del sole e il suo tramonto, ad ammirare, nella notte, la luna e le stelle. 
 

 

Il Sole di Hiroshima è ideato e organizzato da Nipponica, festival di cultura giapponese giunto alla quattordicesima edizione, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, il Consolato Generale del Giappone a Milano, la Regione Emilia-Romagna, il Comune di Bologna, e l’Università di Bologna. L’evento rientra inoltre nell’ambito di L’Altra Sponda – Bologna Estate 2018.
 
 

Qui il comunicato stampa con i dettagli dell’evento: cs_Il sole di Hiroshima

Informazioni e contatti:
www.nipponica.it
ufficiostampa@nipponica.it 
Cel. 391 7064691
Fax 051 3764101

Foto: Nipponica.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

George Hendril Breitner (1857-1923), La ragazza in kimono rosso (Geesje Kwak), olio su tela, Amsterdam, coll. privata.

MUDEC – Museo delle Culture

via Tortona 56 – Milano

Giovedì 28 giugno ore 19.00

La fortuna del kimono in Europa tra Ottocento e Novecento

conferenza di Rossella Marangoni

In occasione del progetto espositivo “Dal batik all’Art Nouveau. Il filo che unisce oriente e occidente” presso lo Spazio delle Culture Khaled Al-Asaad fino al prossimo 26 agosto, il Mudec ospita l’incontro della dottoressa Rossella Marangoni che focalizzerà l’attenzione sull’arte dei kimono e sulla moda del “giapponismo” in Europa nel periodo a cavallo tra Ottocento e Novecento.

In collaborazione con l’associazione Cultural Paths.

In collaborazione con l’associazione AsiaTeatro.

Incontro a ingresso gratuito fino esaurimento posti (max. 20 persone).
Per informazioni e prenotazioni, inviare mail a: fortuna.pellegrini@fortcom.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Parolario 2018, Como

manuela d’alessandro

“attimi urbani. un incontro felice con gli haiku”

 

16 GIUGNO 2018 – ORE 17:30

VILLA SUCOTA – FONDAZIONE ANTONIO RATTI

Via Cernobbio, 19 – 22100 Como

Manuela D’Alessandro ci offre, attraverso versi in stile giapponese, molte immagini di Milano, raccolte in “MilaneisHaiku” (Lieto Colle, 2017), come frammenti offerti al pensiero dalla parola.
C’è il Duomo d’estate con le sue “guglie di burro” da cui sembra possa scivolare giù di tutto, c’è la neve come panna quando “scricchiolano le ossa dei barboni”, ci sono gli aperitivi dove “gocciola l’attesa di amore eterno” e i manager che alla fermata della metropolitana Gioia “affilano cravatte per la battaglia”.

 

Manuela D’Alessandro dialoga con Rossella Marangoni.
Letture a cura di Marco Posa.

 

♦ L’autrice.

Nata e cresciuta a Como, Manuela D’Alessandro si è trasferita da tempo a Milano dove lavora come cronista giudiziaria per l’agenzia di stampa Agi e ha creato il blog Giustiziami in cui cerca di raccontare anche il lato umano della giustizia. Coautrice della graphic novel “Ruby – Sesso e potere ad Arcore” (Round Robin editrice, 2014), le sue poesie e favole sono apparse in diverse antologie.

 

♦ Cos’è Parolario.

Parolario è la manifestazione culturale comasca dedicata ai libri, alla lettura e alla cultura in senso più vasto, fatta di incontri con scrittori, filosofi, poeti, conferenze, dibattiti, musica, passeggiate, mostre, spettacoli e cinema.
Dal 2001 Parolario permette al suo pubblico, sempre più numeroso, di entrare in contatto con personaggi del mondo della letteratura, della cultura e dello spettacolo grazie a incontri gratuiti e aperti a tutti.

Per informazioni: http://parolario.it/Parolario-2018

 

Foto dal sito: http://parolario.it/Parolario-2018

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin