A Kanda, la sera. 2009.

A Kanda, la sera. 2009.


 

 Hi wa ochinu

kumo wa chigirenu

tsuki wa imada

yuube no sora no

sanagara ware wa.

Calato il sole

si spargono le nubi,

la luna appare –

Come mi riconosco

nel cielo della sera.

 

Ichikawa Takuboku

(1885-1912)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Una rispsota to “Haru nikki 3: diario personale (quasi quotidiano) di primavera, attraverso consonanze d’intelletto.”

  1. Graziana CanovaTura ha detto:

    Kanda la sera… ho nostalgia perfino dei fili elettrici che disegnano ragnatele nel cielo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *