Oro della paglia di riso e della corda, e il verde “sparato” nella vecchia fotografia: sono i colori di un’estate giapponese. I tetti spioventi di strati e strati di paglia delle minka sotto i quali si allevavano tradizionalmente i bachi da seta (le antiche fattorie che in quella regione hanno i tetti come mani in preghiera secondo lo stile gasshō zukuri), le ruote dei carri appese quali decorazioni, e il colore acceso dell’erba intorno, e il canto ostinato delle cicale: sì, era l’estate.

                                                         Sotto il tetto d’oro, Takayama, agosto 2005.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *