Forse la cosa più saggia è sempre tornare ai classici. Anche nella letteratura giapponese.

Confesso che esplorare i banchi delle librerie alla ricerca di letteratura giapponese in questo periodo mi lascia sempre delusa e non perché non ci siano proposte.

Solo che nessun libro “mi chiama”, come direbbe il protagonista di un anime che avevo amato tempo fa. Tutti questi mici e micetti, gattini che cadono dal cielo o caffetterie magiche, ristoranti incantati o tazze di tè che dispensano felicità, oggetti che fanno stare bene e altre amenità di questo genere no, non fanno per me.

È quella che chiamo “letteratura consolatoria”, un genere che scala le classifiche come niente, che risolve, oserei dire. Risolve il regalo all’amica ma anche il momento di noia, risolve un pomeriggio domenicale di pioggia e, ne sono certa, ha risolto parecchi regali di Natale.

No, questa letteratura “incantata” che racconta un Giappone di maniera, altrettanto fiabesco, no, non fa per me. Io ho bisogno di storie “larger than life” (non mi viene al momento nessuna espressione altrettanto efficace), che mi incidano, non che mi sfiorino, che mi lascino tracce, che sia impossibile dimenticare.

Che mi insegnino qualcosa.

Questa letteratura consolatoria non riesce a toccarmi, non mi commuove, e mi sembra artificiosa.

Lascia indietro il Giappone che incontri per strada, negli sguardi delle persone, sui treni della serata che riportano a casa,. 

Meglio tornare ai classici, allora. Antichi, moderni o contemporanei che siano ti prendono per mano e non ti lasciano andare. Diventano parte di te.

Kyōto, una libreria dalle parti di Teramachi, 2015.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

2 Risposta to “Sulla letteratura consolatoria.”

  1. Rossella ha detto:

    Cara Barbara san, posso capire perché anche a me accadeva, quando ho iniziato a lavorare in libreria, di acquistare tutto ciò che veniva tradotto dal giapponese. Ma allora erano tempi pionieristici e gli autori allora tradotti erano Tanizaki, Kawabata, Mishima, Akutagawa, Ariyoshi Sawako, Miyamoto Yuriko, ecc. Diciamo che sono stata fortunata…

  2. BARBARA GAZZEA ha detto:

    Cara Rossella, anche se, per amor di collezionismo, forse, finisco per acquistare tutti i libri giapponesi che vengono tradotti, condivido la sua perplessità, infatti mi è capitato spesso di far fatica a leggere questi libri pieni di buoni sentimenti. Per questo, anche, capita spesso ritorni a libri amati, rileggendoli integralmente più di una volta. Mi accade spesso con Kawabata e Tanizaki, ad esempio. E con Enchi Fumiko. C’è da dire che, da quanto ho capito, i titoli cui alludeva in Patria hanno un enorme successo, ci deve quindi essere una qualche fame di sentimentalismo spicciolo che i nostri due popoli condividono. Anche se sono incline a pensare che da noi questi libri hanno successo perchè hanno quel tanto di “esotismo” da cui potersi lasciar accalappiare, in quanto giapponesi, ma anche terribilmente facili da leggere.
    Un caro abbraccio. Ho trascurato un pò i suoi corsi, in questi ultimi mesi, ma la seguo sempre, ho idea di iscrivermi presto ad un altro.
    Barbara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *