“Fine del riposo notturno”, acquerello di Satō Giei.

 

Fine del riposo notturno

Tre e mezza in estate, quattro e mezza in inverno, tre durante le sessioni intensive: l’ora della sveglia cade terribilmente presto. Il preposto al padiglione del Buddha passa attraverso gli edifici e all’interno del padiglione di meditazione. “In piedi!” lancia  a gran voce, scuotendo la campanella. La sala degli esercizi è testimone di una grande agitazione: la grande assemblea, appena sente il segnale del cerimoniere, si leva come un sol uomo, arrotola i materassi che raggiungono il ripiano, poi si dirige verso i lavandini, la veste da giorno stretta intorno ai corpi. Lavarsi, soddisfare i bisogni naturali, vestirsi, deve essere questione di quindici minuti: conviene non perdere tempo! I nuovi arrivati, che hanno ancora un piede nelle vecchie abitudini, fanno fatica a far bene quello che richiederebbe del tempo e deve essere fatto con metodo e sangue freddo, ciò nonostante sentono rovesciarsi addosso a sé delle montagne di insulti – ah, questi anziani non sono certo teneri!

Ai lavandini, l’acqua pura cola in abbondanza e riempie una vasca di pietra. Ma vi sono stati disposti appositamente dei mestoli. Ciò che è al servizio di tutti esige delle precauzioni per evitare gli sprechi. È il caso dell’acqua: utilizzarla con parsimonia traduce l’attenzione riconoscente che bisogna mostrare verso la natura e i suoi doni.

 

Satō Giei

(1920-1967)

Fonte: 

Satō Giei, Journal d’un apprenti moine zen (Unsui nikki, 1966),

traduit du japonais par Roger Mennesson, Arles, Philippe Picquier, 2010, pp. 38-39.

Edizione giapponese pubblicata da The institute for Zen studies nel 1972.

❖Mia traduzione “di servizio” dall’edizione in lingua francese.

 

 

 

➽ Maggiori informazioni sul libro e il suo autore le trovate in questa pagina:

https://www.rossellamarangoni.it/una-lettura-per-lestate-unsui-nikki-il-diario-di-un-novizio-zen.html

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *