Torii Kiyonaga (1752-1815), Il saluto della sera del Settimo Mese, dittico (part.), 1784.

Centro per la Cultura

Merano, Via Cavour 1

giovedì 19 ottobre – ore 20.30

 

ROSSELLA MARANGONI:

Un’eleganza senza tempo: introduzione al mondo del kimono

CONFERENZA CON IMMAGINI 

e

VESTIZIONE DEL KIMONO

maestra Tomoko Hoashi

commento storico-tecnico di Rossella Marangoni

 

Il kimono (letteralmente “cosa che si indossa, indumento”, da mono, cosa e ki, radice del verbo kiru, indossare), è il costume nazionale giapponese che si indossa in ogni occasione seguendo un preciso codice. Il kimono ha mantenuto la stessa forma originaria che risale all’VIII secolo: una pezza di tessuto che, chiusa sovrapponendo il lato sinistro a quello destro, forma con l’angolo delle maniche una grossa T. Viene tenuto chiuso dall’uso di una lunga fascia variamente annodata, l’obi.  

Ogni donna giapponese, quando indossa il kimono, segue un codice che le permette di scegliere il kimono adatto all’occasione, cui accostare correttamente lo obi e gli accessori più indicati. 

La quantità e la complessità delle parti che compongono il kimono e la lunghezza e pesantezza dell’obi fanno sì che a volte si reputi necessaria la presenza di una persona che aiuti a indossarlo. La vestizione del kimono diventa allora una vera e propria cerimonia il cui rituale rimanda alla tradizione estetica classica del Giappone.

In occasione della mostra Lehnart monogatari, dedicata al periodo giapponese di Franz Josef Lenhart e organizzata da Mairania 857, Rossella Marangoni, dell’Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi (Aistugia), terrà una conferenza introduttiva al mondo del kimono: un viaggio fra moda, design, arte e poesia per scoprire il fascino sottile e misterioso di un’eleganza senza tempo.

A seguire, la vestizione del kimono verrà presentata dalla maestra Tomoko Hoashi con il commento storico-tecnico di Rossella Marangoni.

 

 ➻ Ingresso libero fino a esaurimento dei posti.

 

 

Treviso 2016. Foto di Mario Garavaglia.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Sono lieta di presentarvi questo interessante progetto che riscopre e propone per la prima volta al pubblico i disegni giapponesi di Franz J. Lenhart.

All’esposizione fa da corredo una serie di eventi fra cui una mia conferenza sul kimono e una vestizione del kimono. Vi invito a Merano per scoprire insieme a me il Giappone di Franz Lenhart! 

COMUNICATO STAMPA

Lenhart Monogatari

Un pittore in Giappone

23.09. – 28.10. 2017

Centro per la Cultura – Merano, Via Cavour 1

Inaugurazione: venerdì, 22.09.2017 ore 19.00

Orari di apertura: martedì-sabato 11.00-13.00 / 16.00-22.30 

Entrata libera

 

Venerdì 22 settembre alle ore 19.00 si inaugura presso il Centro per la Cultura di Via Cavour 1 a Merano la mostra “Lenhart Monogatari. Un pittore in Giappone”. La mostra è dedicata alla raccolta di grafiche a tema giapponese realizzate dall’artista Franz Josef Lenhart nel corso di un suo soggiorno di circa due anni nell’Impero del Sol Levante. 

Conosciuto in Alto Adige e ben oltre i suoi confini per i suoi raffinati e innovativi lavori di grafica pubblicitaria, Franz Josef Lenhart, austriaco di nascita e meranese di adozione, fu anche un apprezzato ritrattista. Poco conosciuti sono invece i suoi disegni, realizzati durante una lunga permanenza in Giappone negli anni Trenta. Dei mesi trascorsi dall’artista nell’Impero del Sol Levante ci è pervenuto un centinaio di disegni, schizzi, bozzetti e oggetti. 

Una selezione di questo materiale verrà esposta nel corso di una mostra dal titolo “Lenhart Monogatari – Un pittore in Giappone” che Mairania 857 inaugura venerdì 22 settembre alle ore 19.00 al Centro per la Cultura di Merano e che rientra nella più ampia cornice delle celebrazioni per i 700 anni della Città del Passirio. 

Del suo viaggio giapponese, Lenhart avrebbe voluto scrivere un libro, idealmente dedicato ad artisti che avessero voluto soggiornare in Giappone dopo di lui. Questo racconto (monogatari, in giapponese) mai scritto, ma solo pensato, come testimoniano diversi appunti confusi, costituisce l’ossatura su cui è intessuta la mostra, coordinata da Giorgia Lazzaretto. L’allestimento, curato da Gianmatteo Bonaldo, è un percorso di lenta scoperta che attraversa i diversi paesaggi ideali che hanno colpito l’attenzione dell’artista. Il pubblico si metterà quindi nelle vesti di quel lettore implicito cui Lenhart faceva riferimento, e seguirà le impressioni che l’artista ha collezionato sia in forma di parola che di disegno. La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione, curata dallo studio Granit di Merano, che omaggia il libro non scritto di Lenhart raccogliendone in eredità la struttura e alcuni frammenti 

La sera dell’inaugurazione, con inizio alle ore 20.00, si terrà anche l’appuntamento 2017 di “Musical Dialogues”, organizzato in collaborazione con il Centro Studi e Ricerche Palladio.  In occasione dell’apertura della mostra, l’ensemble elettroacustico Mikrotonos, costituito da Federico Campana (live electronics), Ayumi Tovazzi (violino) e David Torri (chitarra), eseguirà “Len“, composizione originale dello stesso Campana. Concepito come sonorizzazione degli spazi espositivi, il brano prende spunto dagli elementi della tradizione giapponese, rielaborandoli poi in un dialogo musicale tra elettronica e strumenti acustici che accompagnerà il pubblico lungo il percorso della mostra. 

A contorno della mostra verranno organizzate anche diverse manifestazioni, di cui si allega un breve programma e tra cui ricordiamo: gli appuntamenti con il cinema giapponese di Akira Kurosawa e Takeshi Kitano; una conferenza sull’opera di Franz Lenhart; un incontro sull’arte e la vestizione del kimono e un workshop di origami

L’esposizione, realizzata in collaborazione con Confcooperative Alto Adige Südtirol-FederCultura Turismo Sport e grazie al sostegno del Comune di Merano, della Provincia di Bolzano-Ufficio Cultura italiana, della Regione Trentino-AltoAdige/Südtirol, di Alperia, di Dasda Merano e di UnipolSai di Simone Sturaro, rimarrà aperta al pubblico fino al 28 ottobre nei seguenti orari: da martedì a sabato 11.00-13.00 / 16.00-22.30. Per ulteriori informazioni a breve sarà attivato il sito www.lenhartmonogatari.it.

 

Lenhart Monogatari
Un pittore in Giappone

Organizzazione: Mairania 857 (Roberto Bommassar, Stefania Borin, Giovanna Podavini)
Coordinazione: Giorgia Lazzaretto
Allestimento: Gianmatteo Bonaldo
Catalogo: studio Granit
Sonorizzazione: Mikrotonos (Federico Campana, David Torri, Ayumi Tovazzi)

Contatto stampa:

Giorgia Lazzaretto
giorgia.lazzaretto@gmail.com
335 6943110

Giovanna Podavini
info@mairania857.org
0473 230128 – 338 9632029

 

Franz J. Lenhart,  Nara 1937. ©Mairania 857.

PROGRAMMA DI CONTORNO

Rassegna cinematografica 

Estate al cinema: Akira Kurosawa – Takeshi Kitano

Due grandi del cinema giapponese a confronto

Dal 06.09. al 25.10.2017

Ore 20.30

Entrata libera 

Proiezioni in lingua italiana 

Organizzazione: Mairania 857

Takeshi Kitano

L’occhio del samurai dietro la macchina da presa. La straordinaria capacità di reinterpretare lo spirito millenario del Giappone innestandolo con la modernità. Il talento di chi riesce a far ridere, piangere, inorridire e al tempo stesso riflettere. Tutto questo è Takeshi Kitano, nato a Tokyo il 18 gennaio del 1947, regista affermato a livello mondiale da almeno vent’anni: nel ‘97 ha vinto il Leone d’oro al Festival di Venezia per Hana-bi, due anni dopo è stato finalista a Cannes con L’estate di Kikujiro e nel 2003 ha ottenuto il Leone d’argento a Venezia per Zatoichi.

Akira Kurosawa

Leone d’oro e Oscar alla carriera, Akira Kurosawa (1910-1998) è il più grande cineasta giapponese e fa parte di quel pugno di registi eccezionali la cui influenza è sentita in tutto il cinema mondiale. Personaggio di grande cultura sia orientale che occidentale, esperto di teatro e in particolare di Shakespeare, discendente di un’antica famiglia di samurai, pittore di pregio ma anche ex campione di kendo. Soprannominato in patria “l’imperatore”, ciò che colpisce di Kurosawa è l’enorme varietà dei suoi lavori: pochi registi hanno saputo spaziare da un genere all’altro con altrettanto virtuosismo.

__________

Conferenza

Mercoledì 4.10.2017 – ore 15.30

La figura e l’opera di Franz J. Lenhart

Conferenza sulla figura e l’attività artistica di questo artista in occasione della mostra “Lenhart Monogatari. Un pittore in Giappone” che Mairania 857 dedica ad un suo importante lascito. 

Con Giorgia Lazzaretto

In lingua italiana 

Organizzazione: Fondazione UPAD

__________

Conferenza e Vestizione del kimono

Giovedì 19.10.2017

Ore 20.30 

Un’eleganza senza tempo: introduzione al mondo del kimono 

Conferenza con immagini a cura di Rossella Marangoni. Al termine vestizione del kimono, con commento tecnico e cenni di storia ed estetica del kimono, a cura di Tomoko Hoashi.

In lingua italiana 

Entrata libera 

Organizzazione: Mairania 857

__________

Laboratorio 

Sabato 28.10.2017

Origami tradizionali giapponesi

Ore 15.00 – 18.30 

Aule Palladio – Piazza della Rena, 10

Un pomeriggio per avvicinarsi all’antica arte dell’origami, imparando a piegare semplici modelli tramandati dalle più antiche tradizioni. Con Gabriella Mammero.

Per iscrizioni: 0473 230699 – upadmerano@upad.it

Organizzazione: Centro Studi e Ricerche Palladio in collaborazione con Mairania 857

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Foto di Mario Garavaglia.

Occidente verso Oriente:

l’Alto Adige e il Giappone

BOLZANO – Museo Civico – Via Cassa di Risparmio 14

venerdì 12 maggio – ore 18

Vestizione del kimono con conferenza-commento

Tomoko Hoashi – Rossella Marangoni

Rossella Marangoni

Vestizione del kimono

着物

Il kimono (letteralmente “cosa che si indossa, indumento”, da mono, cosa e ki, radice del verbo kiru, indossare), è il costume nazionale giapponese che si indossa in ogni occasione seguendo un preciso codice. Il kimono ha mantenuto la stessa forma originaria che risale al periodo Nara (VIII sec.), epoca ancora sotto l’influenza culturale della Cina dei Tang. Una pezza di tessuto che, chiusa sovrapponendo il lato sinistro a quello destro, forma con l’angolo delle maniche una grossa T. Viene tenuto chiuso dall’uso di una lunga fascia variamente annodata, l’obi. Questo circonda più volte il corpo femminile stringendolo in una sorta di elegante corazza, va annodato a una altezza prestabilita (variabile a seconda dell’età della donna) e legato sulla schiena per mezzo di un nodo la cui forma cambierà a seconda dell’occasione e dell’età di chi lo indossa. Il kimono è costituito da varie parti, ciascuna delle quali ha un nome specifico: hada-juban (abbigliamento intimo), naga-juban (sottoveste), han’eri (colletto decorativo). Ed è accompagnato da vari accessori fra cui i tabi, calze infradito bianche che ben si adattano alle calzature tradizionali, gli zōri.

Ogni donna giapponese, quando indossa il kimono, segue un codice che le permette di scegliere il kimono adatto all’occasione, cui accostare correttamente lo obi e gli accessori più indicati. Questo codice, che potremmo definire una vera e propria grammatica del kimono, si declina attraverso alcune variabili da tenere sempre presenti: il livello di formalità, l’età, la stagione. L’età di chi lo indossa è un importante elemento condizionante la scelta del kimono. Questa determina sia il tipo che i colori e i motivi decorativi. Una giovane donna nubile, in occasione di cerimonie (per esempio Capodanno o la Cerimonia per la maggiore età, il 15 gennaio) indosserà sempre il furisode (lett. “maniche fluttuanti”), o  kimono dalle maniche ampie e lunghe sino a un metro, mentre una donna sposata indosserà il tomesode, con le maniche più corte. Inoltre la posizione del disegno sul kimono è indicativa dell’età della donna: più i disegni sono collocati in basso, verso l’orlo, più si addicono alle donne mature le quali, per quanto riguarda i colori, prediligeranno toni smorzati.

Ma saranno poi le stagioni a dettare la scelta dei colori, dei motivi decorativi, oltre ovviamente che del tipo di kimono, che sarà più o meno pesante. La quantità e la complessità delle parti che compongono il kimono e la lunghezza e pesantezza dell’obi fanno sì che a volte si reputi necessaria la presenza di una persona che aiuti a indossarlo. La vestizione del kimono diventa allora una vera e propria cerimonia il cui rituale rimanda alla tradizione estetica classica del Giappone.

In occasione di Occidente verso Oriente, la vestizione del kimono verrà presentata dalla maestra Tomoko Hoashi con il commento di Rossella Marangoni, dell’Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi (Aistugia).

 

Prenotazione posti presso il Museo civico: tel. 0471997960.

Per informazioni: associazioneartbolzanobozen@gmail.com

Organizzazione: Associazione Art Bolzano/Bozen

Con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Occidente verso Oriente: l’Alto Adige e il Giappone

Dall’8 al 12 maggio l’associazione ART in collaborazione con gli enti ospitanti gli eventi organizza Occidente verso Oriente che in questa sua prima parte sarà dedicata al confronto fra due culture: quella dell’Alto Adige con quella del Giappone.

La manifestazione intende offrire all’Alto Adige la possibilità di conoscere costumi, cultura, musica di altre culture, ampliando l’orizzonte culturale di questa terra, fornendone la chiave di lettura di altre culture, al fine di arricchire ed essere volano di sviluppo culturale ed inevitabilmente anche economico.  

INFO: Associazione ART

email associazioneartbolzanobozen@gmail.com

WEB https://plus.google.com/+AssociazioneARTBolzano

 

Questo il calendario degli eventi previsti tutti a Bolzano e tutti ad ingresso libero:

lunedì 8 maggio 2017 ore 18

Centro Trevi, Bolzano, via Cappuccini n. 28

Presentazione del sociologo Adel Jabbar del terzo libro di poesie di Lilia Ianeva Satta, Bocciolo in stile haiku, in lingua italiana e bulgara, edizione AB di Sofia (illustrazioni, quadri e foto dell’artista gardenese Vinzenz Senoner e disegni di Liliana e Diego Satta), con esecuzioni di Augusto e Damiano Valentini (chitarra e pianoforte), allievi dell’indirizzo musicale del liceo “G. Pascoli” di Bolzano, in collaborazione con la Biblioteca Provinciale Italiana Claudia Augusta.

giovedì 11 maggio 2017 ore 18

Biblioteca civica Battisti, Bolzano, via Museo n. 47

Rossella Marangoni, nipponista. Conferenza

Breve come un sospiro: introduzione alla poesia haiku.

Ovvero cantare il mondo in 17 sillabe

a seguire breve presentazione del libro Bocciolo di Lilia Ianeva Satta.

venerdì 12 maggio 2017 ore 18

Museo civico, Bolzano, via Cassa di Risparmio n. 14

La vestizione del kimono

con illustrazione di Rossella Marangoni, veste Tomoko Hoashi proprietaria di un prezioso kimono.

Prenotazioni posti presso il Museo civico, tel. 0471 997960

venerdì 12 maggio 2017 ore 20.30 

Centro culturale Maria Heim, Bolzano, via Novacella n. 5

Concerto

Lilia Ianeva, soprano

Noriko Kawamura, mezzosoprano

Roberto Satta, pianoforte

musiche giapponesi, di G. Puccini e R. Wagner.

Le cantanti vestiranno in kimono

prenotazioni posti via email => associazioneartbolzanobozen@gmail.com

Il centro audiovisivi CAB di Bolzano in via Cappuccini 28 e l’Amt für Film und Medien – Ufficio film e media in via Hofer 18 esporranno film di registi giapponesi per il prestito.

Le biblioteche provinciali Tessmann e Claudia Augusta e Civica Battisti di Bolzano esporranno volumi sul Giappone e la sua cultura per il prestito.

L’evento gode del patrocinio del Consolato Generale del Giappone di Milano.

Si ringraziano il Comune di Bolzano, la Provincia Autonoma di Bolzano, il centro culturale Maria Heim di Bolzano, la Biblioteca Civica Battisti di Bolzano, la Biblioteca Provinciale Italiana Claudia Augusta di Bolzano, la Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Oiden Tour – Viaggi in Giappone di Bolzano, Armonium e Pianoforti Galvan di Borgo Valsugana (TN), il Festival Textile Manufactur (12-14 maggio in piazza Walther a Bolzano) organizzato dalla Accademia Tessile Europea di Bolzano, la galleria d’arte Paris di Sofia.

Vi aspettiamo con grande piacere!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Particolare di un kimono in mostra a Treviso. (Foto di R.M.)

Particolare di un kimono in mostra a Treviso. (Foto di R.M.)

 

Di chi sono queste maniche?

Kimono dalla Kodai Yūzen Gallery di Kyōto

una mostra curata da Rossella Marangoni 

per

 NIPPONBASHI D’ESTATE 2016

Sede: Complesso Umberto 1° (Quartiere Heian), Borgo Mazzini 23, Treviso

fino al 17 Luglio 2016

 

Raffinatezza, bellezza, eleganza: nel nostro immaginario una donna che indossa il kimono è la quintessenza di queste qualità. Ed evoca immediatamente il Giappone. 

Perché, pur con una storia lunga di tanti secoli, il kimono continua ad affascinare e ha mantenuto intatto il suo potere di suggestione.

La mostra “Di chi sono queste maniche?”,  inaugurata a Treviso il 1° luglio scorso, è interamente dedicata a questo indumento (il termine “kimono” significa letteralmente proprio questo) e vuole essere un percorso di avvicinamento a questo mondo di grazia e bellezza attraverso l’esposizione di pezzi pregiati provenienti dalla Kodai Yūzen Gallery di Kyōto, un corpus cospicuo di kimono fra cui spiccano alcune pregevoli riproduzioni di opere raccolte dal celebre collezionista Nomura Shōjirō (1879-1943).

La mostra proporrà un suggestivo itinerario attraverso il sentimento della natura e delle stagioni che si esprime nella poesia classica giapponese e nella decorazione del kimono. A ognuno dei pezzi esposti sono accostati esempi della poesia classica che rimandano a fiori, erbe, animali, motivi di buon auspicio presenti sulla superficie dei kimono.

A chi sa ascoltare, infatti, il kimono racconta delle storie antiche. Ricchi e molteplici sono i riferimenti poetici e simbolici nella decorazione della sua superficie: il viaggio nel mondo del kimono diventa allora viaggio nella cultura giapponese di ogni epoca fra mito, poesia, arte, moda.

Questa trama sottile di riferimenti simbolici e il suo affascinante mistero saranno rivelati nel percorso della mostra e negli eventi collaterali ad essa collegata:

 

un seminario sull’estetica del kimono tenuto da Rossella Marangoni presso la sede della mostra nei giorni 15, 16 e 17 luglio;

e,

domenica 17 luglio, alle ore 15

una vestizione pubblica del kimono di tipo furisode, vera e propria cerimonia il cui rituale rimanda alla tradizione estetica classica del Giappone (con la maestra Tomoko Hoashi).

 

La mostra “Di chi sono queste maniche (tagasode)?” è curata da Rossella Marangoni, dell’Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi, ed è la principale proposta culturale del NIPPONBASHI D’ESTATE 2016, il festival sulla cultura giapponese che si svolge ogni anno a Treviso.

Il titolo che abbiamo scelto, e che può apparire curioso, deriva da un particolare genere di paravento, il tagasode byōbu, che ebbe grande fortuna in Giappone nel XVII secolo: su questi paraventi, dal ricco fondo dorato, svariati appendiabiti in legno laccato, gli ikō, reggono kosode (precursori del kimono), stoffe, indumenti che sembrano lasciati da qualcuno che si è appena allontanato dalla stanza, lasciando dietro di sé la scia sottile di un profumo antico.

L’invito allora è di seguire quella scia e scoprire cosa rivelano colori, disegni, ricami che percorrono quelle maniche.

 

Orari: Tutti i giorni dalle 10 alle 20 ( venerdì 15 luglio fino alle 22, sabato 16 fino alle 24 e domenica 17 fino alle 22).

Per informazioni: http://www.nipponbashi.it/category/nipponbashi-2016/quartiere-heian/

RITAGLIOPoster 2 TV

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin