Utagawa Kuniyoshi (1797-1861). Dalla serie Hyakunin isshu no uchi (1840-42). 1. L’imperatore Tenji.

 

秋の田の 
かりほの庵の 
苫をあらみ 

わが衣手は 
露にぬれつつ

Aki no ta no 
Kariho no iho no 
Toma o arami.

Waga koromode wa 
Tsuyu ni nuretsutsu.

Tenji tennō

(626-671)

 

Son così sconnesse le stuoie Sulla risaia Le fessure nel tetto di giunchi
della capanna, della capanna temporanea la capanna è instabile del riparo di fortuna
della risaia d’autunno le stuoie rade eretto tra le risaie in autunno
che sulle mie maniche e dentro le mie maniche fan sì che le maniche delle mie vesti
la rugiada penetra, penetra. entra la rugiada entra. si aspergano senza sosta di rugiada.
Traduzione di Marcello Muccioli. Traduzione di Nicoletta Spadavecchia.

Traduzione di Andrea Maurizi.

Le traduzioni sono tratte da:

Marcello Muccioli (a cura di), La centuria poetica, Milano, SE, 2010 (prima edizione: Firenze, Sansoni, 1950).

Nicoletta Spadavecchia, Michelangelo Coviello (a cura di), Fujiwara Teika. Tanka. Antologia della poesia classica giapponese, Milano, Corpo 10, 1990.

Andrea Maurizi, Poesie di cento poeti in Virginia Sica, Francesca Tabarelli de Fatis (a cura di), Lo spirito giovane della calligrafia classica. Personale di Kataoka Shikō, Trento, Go Book, 2006.

🌾🌾🌾

L’immagine che ho scelto per illustrare il waka n°1 è di Utagawa Kuniyoshi, artista del tardo periodo Edo la cui sensibilità è, inevitabilmente, molto diversa da quella che ha dato origine al componimento che commenta.

E in questa immagine, ecco cosa vedo.

 

Il lavoro dei contadini nella risaia, fra cui spicca la figura flessuosa di una fanciulla che sembra guardare lontano, come distratta d’improvviso da qualcosa o qualcuno che non possiamo vedere, è quello del raccolto. Le spighe di riso si piegano sotto i falcetti dei lavoratori chini e intenti alla loro occupazione. Le fascine vengono strette dalle corde, si accumulano e qualcuno, al limite della risaia, se le carica a bilanciere sulle spalle. L’indaco delle casacche degli uomini e il blu intenso dei kimono delle donne, il bianco-azzurro degli hachimaki di cotone a raccogliere le gocce di sudore sulla fronte, spiccano fra il giallo-verde delle messi e  il colore uniforme della terra.

L’imperatore poeta è distante, sullo sfondo, nel suo padiglione che guarda il mare. Lo sguardo rivolto alla distesa azzurra, sotto un cielo che sfuma dal blu intenso al rosa dell’alba, il gruppo di cortigiani sembra lontano, molto lontano. Una visione di quiete e di agi che nulla a che vedere con la scena che avviene in primo piano e che sembra interessare maggiormente Kuniyoshi: la vita palpitante dei contadini e la celebrazione del raccolto d’autunno.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Ricevo e con molto piacere, a mia volta, vi invito …

Paravento giapponese a sei ante con i tre amici dell'inverno, periodo Edo, 178 x 376 cm.

Paravento giapponese a sei ante con i tre amici dell’inverno, periodo Edo, 178 x 376 cm.

logo-nobili

Eterne stagioni

円環する季節

Corrispondenze poetiche tra antichi byōbu giapponesi e artisti contemporanei

25 Novembre– 10 Gennaio 2017

Inaugurazione 24 Novembre ore 18.00

a cura di Matteo Galbiati

idea e progetto di Matteo Galbiati e Raffaella Nobili

La Galleria Paraventi Giapponesi – Galleria Nobili, dopo averla presentata con notevole successo al Museo d’Annunzio Segreto presso il Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera (BS) in collaborazione con la Fondazione Cominelli, ripropone la mostra Eterne Stagioni con un allestimento inedito, ripensato appositamente per gli spazi della sua sede nel cuore di Brera.
La mostra sviluppa un inusuale dialogo e confronto tra una collezione di antichi paraventi giapponesi e la sensibilità delle ricerche visive riscontrabile nelle opere di alcuni artisti contemporanei giapponesi.

 

Questa mostra, inserita nel 150° Anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia con il sostegno dell’Ambasciata del Giappone in Italia e del Consolato Generale del Giappone a Milano nelle istituzioni pubbliche, rientra nel programma espositivo previsto dalla Galleria per il 2016-17 e culminerà con la tappa conclusiva – con un ulteriore nuovo ed arricchito allestimento – presso Palazzo Monferrato ad Alessandria, prevista per la primavera del 2017.
La mostra si configura come un viaggio attraverso storie e tradizioni differenti ed è il frutto di una ricerca sperimentale che porta l’arte antica del Giappone mettersi a confronto e dialogo con quella di alcuni suoi artisti contemporanei, a testimonianza di come le distanze e i confini temporali della cultura nipponica, con le sue culture e i suoi linguaggi, non siano mai così profondi e separati.
Byōbu (così si chiamano in Giappone i paraventi tradizionali), grandi capolavori dell’arte degli artigiani del passato, fragili e allo stesso tempo robusti, essenziali e al contempo preziosamente poetici e lirici, sono parte integrante della cultura quotidiana tradizionale giapponese e popolano da secoli le abitazioni, suddividendo spazi, creando ambienti, generando ritmi, aprendo visioni e illustrando i significati di storie e miti. La loro effimera delicatezza si sposa con la rarefatta perfezione formale delle loro realizzazioni e testimonia quella carica di concentrato sapere proprio della sensibilità culturale del Paese del Sol Levante.
Se l’estetica artistica di questi oggetti – erano e sono di uso quotidiano – impone immagini sobrie e contenuti carichi di elementi e letture simboliche, questa stessa tensione sensibile viene altrimenti intercettata da artisti orientali contemporanei che, avendo avuto modo di formarsi in Giappone e trasferitisi poi in Italia, hanno innestato la loro arte con le nuove contaminazioni derivate dall’arte occidentale, sviluppando un linguaggio eterogeneo in cui echeggiano silenziosamente i valori di un’estetica classica e tradizionale, sebbene rivisitata e aggiornata con i principi artistici contemporanei.
Non è un caso, infatti, che molti artisti, avuto modo di ammirare i Byōbu, vi abbiano ravvisato un forte richiamo con la loro ricerca poetica e ne abbiano percepito intime affinità e convergenze.
Attengono all’estetica giapponese i caratteri specifici legati al mondo della comunicazione retorica, dell’inespresso e dell’allusività (Haragei), caratteristiche che hanno determinato nei secoli l’apparente semplificazione delle forme e dei mezzi espressivi, caricando ogni afflato artistico di densità simbolica. Queste posizioni sono ampiamente condivise dagli artisti chiamati in questa mostra, per i quali proprio la riduzione e la rarefazione del linguaggio sono un viatico per la ricerca di uno spessore espressivo sempre più pregnante e massimamente significativo.
La mostra ha come presupposto concettuale un’idea del Tempo diversa dalla visione lineare e teleologica autoctona. Il termine Enkan suru kisetsu, traslitterazione degli ideogrammi 円環する季節, sottende l’idea buddista della circolarità della Storia. Archetipo presente in varie culture, in Giappone essa assume una sfumatura policronica, spostando l’attenzione sulla costante presenza del qui e ora. Il dipanarsi del tempo sembra, in questo caso, essere una giustapposizione di infiniti momenti presenti. In questa ottica il passato e il presente coabitano lo stesso spazio nello stesso intervallo temporale. Su questa base è facile intuire la pertinenza del titolo Eterne Stagioni come ritorno instancabile e continuo di valori condivisituttora attuali e palpitanti.
 
Il progetto nasce da un correlato interesse di alcuni artisti contemporanei proprio verso questo tipo di contenuti artistici e anche da una proposta critica di verifica delle loro motivazioni interiori che generano e stimolano questi collegamenti e connessioni artistico-culturali.
L’allestimento, pensato da Matteo Galbiati e dalla Galleria, vede avvicinare, in dialogo intenso e lirico, i paraventi della collezione della stessa Galleria – di vari periodi e dimensioni – alle opere di Asako Hishiki, Kaori Miyayama, Ayako Nakamiya Tetsuro Shimizu.
Alle pareti si crea, così, un percorso dinamico e sorprendente dove antico e contemporaneo, Oriente e Occidente creano collisioni armoniche e poetiche. La mostra, quindi, non separa ambiti e contesti, ma li unisce e avvicina, mettendo in luce tanto la sfera culturale, quanto quella dell’esperienza umana.
 
Come accennato la mostra si concluderà nel 2017 con un nuovo allestimento a Palazzo Monferrato ad Alessandria, grazie al contributo e alla produzione dell’Associazione Libera-Mente – Laboratorio di Idee.
 
Catalogo vanillaedizioni edito in occasione della mostra al Museo d’Annunzio Segreto presso il Vittoriale degli Italiani disponibile su richiesta.
 
 
 
Eterne stagioni 円環する季節
Corrispondenze poetiche tra antichi byōbu giapponesi e artisti contemporanei
 
a cura di Matteo Galbiati
idea e progetto di Matteo Galbiati e Raffaella Nobili
 
25 Novembre 2016 – 10 Gennaio 2016
Inaugurazione giovedì 24 Novembre ore 18.00
 
PARAVENTI GIAPPONESI – GALLERIA NOBILI
Via Marsala 4, 20121 Milano
Telefono +39026551681
Orari: lunedì 15.30-19.00; da martedì a sabato 11.00-19.00
info@paraventigiapponesi.it
www.paraventigiapponesi.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

testata 1

24 – 25 settembre 2016 

V Edizione

testata

Orari: Sabato dalle 13:00 alle 20:00 – Domenica dalle 13:00 alle 20:00
Ingresso libero – Info: 02 49524744

 

Giunto alla sua quinta edizione, JAPAN SUNDAYS, il festival dedicato alla cultura giapponese tradizionale e contemporanea, torna negli spazi di WOW Spazio Fumetto sabato 24 e domenica 25 settembre con un programma ricco di appuntamenti. Grazie alla partecipazione di associazioni, esperti, appassionati e studiosi le giornate saranno animate da dimostrazioni, seminari, workshop, lezioni aperte e tante altre attività legate alla musica, alla cucina e alle arti nipponiche. Sabato 24 settembre aprirà, sempre a WOW Spazio Fumetto, la mostra “Giappone: 365 giorni di festa”, che approfondirà il tema scelto come focus per questa edizione: la festa in Giappone.  

Giunto alla sua quinta edizione, il festival Japan SunDays – che gode del prezioso patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano – è stato premiato fin dal primo anno da un successo di pubblico e di critica tali da trasformare l’iniziativa in un evento dalla personalità ben riconoscibile.

Anche questa edizione è frutto della co-organizzazione tra Associazione Culturale Tanuki e WOW Spazio Fumetto, che ha reso possibile già dallo scorso anno raddoppiare lo spazio a disposizione dell’iniziativa. Tutto il Museo sarà dedicato a performance, lezioni aperte, dimostrazioni, proiezioni, stand, mostre e incontri con esperti del settore e laboratori mirati, sempre nell’accogliente cornice di WOW Spazio Fumetto. Lo scopo: invitare il pubblico milanese ad approfondire, curiosare e sperimentare la migliore produzione artistica nipponica a Milano, incoraggiando così l’incontro e la conoscenza tra artisti, associazioni e pubblico, in un connubio unico tra passato e presente di cultura del Sol Levante.

Nel palinsesto degli eventi grande spazio verrà dato ai laboratori, organizzati sia di mattina che durante i due pomeriggi. Anche quest’anno, inoltre, il pubblico troverà all’interno di WOW Spazio Fumetto – oltre al già fornito bookshop del Museo – svariati stand dove sarà possibile ammirare e comprare artigianato e oggettistica giapponese e conoscere le attività di maestri e artigiani.

LE MOSTRE

Questa quinta edizione vedrà un importante focus dedicato al ricchissimo e variegato panorama delle feste in Giappone. Per l’occasione è stata allestita la mostraGiappone: 365 giorni di festa” che, ospitata al primo piano di WOW Spazio Fumetto e realizzata dall’Associazione culturale Tanuki, presenta al pubblico la ricchezza e la varietà delle feste in Giappone, numerosissime e diffuse in tutto l’arcipelago, di cui verranno analizzate le principali.

La mostra presenta una panoramica sulle grandi e piccole feste di origine religiosa: i matsuri, innumerevoli e sparsi per tutto il Giappone, vengono celebrati localmente da piccole e grandi comunità. Di origine religiosa o laica, antiche o di importazione recente, danno luogo a grandi festeggiamenti, canti, danze, giochi, sfilate, bevute. Esaltano il piacere di stare insieme, la gioia di divertirsi, fra attrazioni, bancarelle da fiera, spettacoli tradizionali e concerti di taiko: sono momenti della vita sociale molto importanti, perché rinsaldano i legami della comunità. Questa atmosfera carica di vitalità è ben rappresentata nei manga (i fumetti giapponesi) e nell’animazione giapponese di cui la mostra propone alcuni esempi che documentano l’importanza e l’onnipresenza del tempo della festa nella cultura giapponese.

Verranno anche prese in esame le ricorrenze annuali (nenjūgyōji) che ancora ritmano il calendario giapponese (come Shōgatsu, il Capodanno, e Obon, la Festa del ritorno dei morti) e che rappresentano scadenze rituali di origine antica passate dalla società contadina a quella urbana. La mostra illustrerà le caratteristiche comuni ai vari matsuri e ne presenterà gli esempi più significativi attraverso la rappresentazione che ne hanno dato gli autori di manga e di anime (l’animazione giapponese). Ad arricchire ulteriormente la mostra, una selezione di preziosi oggetti giapponesi provenienti dalla collezione del Consolato Generale del Giappone di Milano, che patrocina l’intera manifestazione: diorami, ventagli, oggetti tipici del folklore delle feste.

 

Durante il festival sarà possibile visitare anche una personale del fotografo svizzero Matteo Aroldi, significativamente intitolata “Matsuri”. Matsuri è infatti il termine giapponese per festa: durante l’arco dell’anno, numerosi matsuri si tengono in tutte le località del Giappone. Dai più piccoli e locali ai più famosi, da quelli con radici antichissime ad altri più recenti, attirano comunque moltitudini di persone. Il centro dell’evento è di solito un tempio shintoista, dedicato all’antico culto animista originario dell’arcipelago, oppure buddhista. Ma non sono rare le feste dedicate ai più disparati argomenti, o legate a momenti particolari. Famose tra queste ultime sono ad esempio i matsuri che si svolgono in occasione della fioritura dei sakura, i ciliegi giapponesi, o il momiji matsuri, la festa degli aceri, in autunno. Questo lavoro fotografico illustra alcuni tra gli innumerevoli matsuri celebrati nella grande metropoli di Tokyo e in altre parti del Giappone: Kurayami Matsuri a Fuchu, Takahata Momiji Toro a Takahata-Fudo, Ebisu Matsuri a Hiroshima, Tori no-ichi ad Asakusa, la celebre Yosakoi di Omotesando, Hanabi Matsuri a Tanagawa e molte altre.

Fotografo professionista dal 1987, Matteo Aroldi inizia la carriera professionale come fotoreporter viaggiando numerose volte attraverso i paesi asiatici, collaborando con varie riviste e agenzie. I numerosi viaggi lo portano a realizzare servizi fotografici a sfondo naturalistico e sociale, attraverso le montagne dell’Himalaya quanto nelle variegate situazioni umane del sud-est asiatico. Da molti anni si occupa prevalentemente di fotografia di architettura ma, a lato della sua attività principale, realizza regolarmente lavori nell’ambito della fotografia di natura, documentazione di eventi e reportage. Ha vissuto a lungo in Giappone, paese in cui ha tenuto numerose esposizioni e che visita regolarmente.

Sempre dedicata alla fotografia la terza esposizione ospitata di Japan SunDays: verranno esposti i suggestivi scatti della fotografa e artista giapponese Yuka Kawai dedicati al mondo del kimono, dal titolo “Kimono Life”. La fotografa, che vive nella cittadina di Hida Furukawa – nelle montagne del Giappone centrale – sarà a Milano in occasione di questa sua prima mostra italiana.

Sarà inoltre possibile visitare anche durante Japan SunDays la mostra a ingresso libero Pokémania, curata da Alberto Brambilla e ospitata a WOW Spazio Fumetto dal 1° settembre fino al 2 ottobre: una mostra-omaggio alla storia dei Pokémon, nati nel 1996 come videogioco e poi trasposti come serie animata, fumetto, gioco di carte, serie di figurine e gadget.

Il programma dettagliato sarà presto online sul sito web http://japansundays.wix.com/japansundays e sulla pagina Facebook www.facebook.com/japansundays

GLI APPUNTAMENTI E I LABORATORI

Sabato 24 settembre

La giornata di sabato partirà la mattina, quando inizieranno i primi laboratori su pre-iscrizione.

Vasta la scelta delle arti con cui confrontarsi nell’arco di tutta la giornata: due seminari di calligrafia giapponese (mattina e pomeriggio) tenuti dal maestro Bruno Riva e da alcuni calligrafi dell’Associazione Culturale Shodo.it (15€ comprensivo di materiale a corso); workshop pomeridiano di ikebana, l’arte giapponese della disposizione dei fiori recisi, tenuto da Sachiko Yamaguchi, Maestra di Ikebana della scuola Senshū (25€); due laboratori di disegno manga, “Shōjo” (mattina) e “Shonen” (pomeriggio) tenuti da Sabrina Sala, mangaka ed esperta di animazione giapponese (15€ comprensivo di materiale a corso); e, per la prima volta a Japan SunDays, un workshop di legatoria giapponese (watoji), a cura di Luca Cisternino, che si terrà al mattino ma con possibilità di replica pomeridiana  (25€ comprensivo di materiale).

Per tutti i laboratori è necessaria la preiscrizione tramite mail all’indirizzo japan.sundays@gmail.com o telefonando allo 02 49524744. Le iscrizioni chiuderanno giovedì 22 settembre.

Dalle 13:00 ci sarà l’apertura al pubblico del festival, con la possibilità per tutti di visitare le mostre, curiosare tra gli stand, conoscere e acquistare cibo e prodotti dell’artigianato giapponese e assistere ad attività totalmente gratuite. Tanti gli eventi, tra cui la presentazione del libro gioco The sushi game (Terre di Mezzo editore), in anteprima assoluta, con partecipazione della scrittrice Francesca Scotti; uno spettacolo di kamishibai, forma di narrazione tramite immagini simile ai nostrani cantastorie, con Pino Zema; una presentazione a più voci delle mostre e del tema scelto per questa quinta edizione di Japan SunDays, i matsuri e le feste tradizionali; una dimostrazione di judo con Tokyo Kodokan Milano e l’incontro con il disegnatore Vincenzo Filosa, autore di quello che è stato definito uno dei migliori libri a fumetti pubblicati in Italia nel 2015, Viaggio a Tokyo (Canicola Edizioni) e ora curatore della collana Coconino Gekiga, genere di manga dai temi maturi.

Il programma completo sarà presto online.

Domenica 25 settembre

La giornata di domenica partirà la mattina, quando inizieranno i primi laboratori su pre-iscrizione.

Vasta la scelta delle arti con cui confrontarsi nell’arco di tutta la giornata. Una novità assoluta il workshop mattutino di artigianato giapponese Tsumami Zaiku tenuto da Veronica Piccolo di Momo Kanzashi (25€ comprensivo di materiale), che spiegherà come costruire delicati fiori di stoffa per adornare fermagli e altri accessori secondo la secolare tecnica giapponese di piegatura della seta. Gli altri workshop di domenica saranno: il laboratorio mattutino di kamishibai (forma di narrazione per immagini) a cura di Pino Zema, dove ai partecipanti verranno spiegate tutte le fasi di realizzazione di una storia: dalla suddivisione in scene al disegno delle immagini, all’adattamento del testo e alla narrazione finale (10€ comprensivo di materiale); due laboratori di pittura sumi-e (mattina e pomeriggio) a cura del maestro Shozo Koike (20€ a corso, comprensivo di materiale); un laboratorio pomeridiano di disegno manga tenuti da Talita Lilia Riberi dell’Accademia Europea di Manga (15€ comprensivo di materiale a corso); un laboratorio pomeridiano sul prezioso tè verde matcha a cura della teeria Tête a Thè, che permetterà di imparare a preparare correttamente il pregiato tè in polvere utilizzato per la cerimonia del tè e ne proporrà la degustazione (25€ comprensivo di degustazione con dolcetti giapponesi).

Per tutti i laboratori è necessaria la preiscrizione tramite mail all’indirizzo japan.sundays@gmail.com o telefonando allo 02 49524744. Le iscrizioni chiuderanno giovedì 22 settembre.

Dalle 13:00 ci sarà l’apertura al pubblico del festival, con la possibilità per tutti di visitare le mostre, curiosare tra gli stand, conoscere e acquistare cibo e prodotti dell’artigianato giapponese e assistere ad attività totalmente gratuite. Tanti gli eventi, tra cui un incontro con lo studioso Andrea Pancini sul tema del matsuri nella cultura giapponese; una dimostrazione dell’arte marziale del karate, a cura del maestro Shuhei Matsuyama e della Hakuyukai Karatedo – Scuola di Karate tradizionale e goshindo;  la presentazione dell’antica e preziosa tecnica artigianale dello shibori e della tintura a mano giapponese; una conferenza sulla varietà e ricchezza delle feste nella regione del Tōhoku tenuta dalla studiosa Sumiko Furukawa, originaria di quella regione; una spettacolare e suggestiva performance calligrafica di Bruno Riva e dell’Associazione culturale Shodo.it sul tema delle feste del riso.

Il programma completo sarà presto online.

Organizzazione: Associazione Culturale Tanuki

(Alessandro Castrati, Rossella Marangoni, Maya Quaianni, Laura Ritorto)

WOW Spazio Fumetto Museo del Fumetto, dellIllustrazione e dellImmagine Animata

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Meigetsu ya

tatami no ue ni

matsu no kage.

 

Ah, chiaro di luna!

Sul tatami

l’ombra dei pini.

 

Takarai Kikaku

(1661–1707)

Tsukimi. Ammirare la luna. Una prassi consolidata in Giappone sin dall’antichità. Una leggenda vuole che Murasaki Shikibu, in pellegrinaggio al tempio di Ishiyama sul lago Biwa, avesse l’intuizione del Genji monogatari proprio ammirando la luna piena che si rispecchiava nelle acque del lago. La luna più bella, per i Giapponesi è inevitabilmente la luna piena della quindicesima notte, la luna di metà autunno (ossia, secondo il calendario odierno, quel periodo compreso fra il 9 settembre e l’8 ottobre). Era considerata, quella notte, la più chiara dell’anno, e la luna era quella del raccolto, delle messi, cantata dai poeti, ammirata brindando con gli amici, alla sua bellezza, con del buon sakè, su una veranda, davanti a un giardino, nel buio rischiarato dal suo morbido e terso chiarore.

Luna. Un'impressione di fine estate.

Luna. Un’impressione di fine estate.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Museo Poldi Pezzoli

via Manzoni 12

Milano

(MM1 Duomo, MM3 Montenapoleone)

LA CULTURA GIAPPONESE AL MUSEO POLDI PEZZOLI-page-001Questa conferenza inaugura il ciclo di due conferenze che il Museo Poldi Pezzoli di Milano dedica alla cultura giapponese nell’ambito della mostra “Ore giapponesi”.

Le conferenze, che si terranno il 14 settembre alle ore 18 (Keiko Ando) e il 28 settembre alle ore 18 (Rossella Marangoni), sono a ingresso libero sino a esaurimento dei posti.

 

Vi aspettiamo!

 

 

Museo POLDI Pezzoli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin