Nel nostro giardino. Marzo 2017.

yo no naka wa

jikoku no ue no

hanami kana

 

In questo mondo

– sopra all’inferno –

contempliamo i fiori.

 

Kobayashi Issa

(1763-1828)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

La luna di marzo. Fra i boccioli del pesco del giardino. 12 marzo 2017.

Haru no yo no

yami wa ayanashi

ume no hana

ito koso miene

ka ya wa kakururu.

 

Folli sono le tenebre

nella  notte di primavera.

Celano, è vero,

il colore del fiore di susino,

ma il profumo, come fanno a velarlo?

 

Ōshikōshi no Mitsune

 (X sec.)

 

Dal Kokin waka shū (Raccolta di poesie giapponesi antiche e moderne), Milano, Ariele, 2000. Traduzione di Sagiyama Ikuko.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Associazione Yamato

via Garibaldi 18/20 – Casale Monferrato

 

Approfondimenti di cultura giapponese a Casale Monferrato.
Il mese di Marzo è dedicato al BUDO (le arti marziali giapponesi):

DOMENICA 19 marzo alle ore 15.30, il Maestro Pier Paolo Cornaglia terrà la conferenza / dimostrazione:

‘KATA’, la ricerca del Dō (via) nell’arte marziale giapponese e l’uso dell’Hara (addome).

Medaglia d’oro ai campionati del mondo di Karate 2015 in Giappone, oltre ad altri innumerevoli traguardi, il maestro Cornaglia così racconta il Kata:
“…sono sempre stato affascinato dal salto del kata “empi”, dal decollo alla raccolta delle gambe in volo, per atterrare senza sbavature… ho ancora molto da imparare, ma continuerò a volare”.

Le tombe dei 47 rōnin al Sengakuji, Tōkyō.

DOMENICA 26 marzo alle ore 15.30,  conferenza:

‘La vendetta dei 47 rōnin, dalla storia al mito’  

di Rossella Marangoni.

Si consiglia la prenotazione.

Oltre agli appuntamenti citati, vorremmo ricordare la mostra fotografica ‘Il gesto creativo’ di Flavio Gallozzi, visitabile presso la sede dell’associazione Yamato dal 4 marzo fino al 15 aprile 2017, Lunedì e Mercoledì ore 17.00-19.00 / Sabato e Domenica 15.30- 18.30.

 

Per informazioni e prenotazioni:
fb: yamato.casale
tel. 3498508918
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Al Meiji jingū. Tōkyō, dicembre 2015.

organizza

il corso

L’esperienza del sacro in Giappone:

Introduzione allo Shintō 神道, “via degli dei”.

Conoscere lo Shintō per capire il Giappone.

 

Docente: Rossella Marangoni

 

 4 incontri di 2 ore ciascuno

In programma:

  • 1. Il pensiero religioso giapponese.  Cos’è lo  Shintō, perché lo Shintō.
  • 2. Essere shintō: etica, pratiche, luoghi.
  • 3. Le sciamane, i fenomeni di possessione e la festa dionisiaca.
  • 4. Il Kojiki, i miti, la creazione del mito, l’utilizzo del mito.

 

Sede del corso:

Centro di Cultura Giapponese, via Lovanio 8, Milano (MM2 Moscova)

Date: martedì 16, 23 e 30 maggio e 6 giugno.

Orario: dalle 16 alle 18.

Quota di partecipazione: 100 euro per i 4 incontri + tessera associativa.

 

 AVVERTENZA.

  Il corso sarà attivato se verrà raggiunta una quota minima di iscrizioni.

  Le adesioni devono pervenire TASSATIVAMENTE entro il 25 marzo prossimo.

Per informazioni e adesioni:

📞 338.1642282

✉️ antogiulia@gmail.com

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Utagawa Kuniyoshi (1797-1861), Il poeta Kakinomoto no Hitomaro, dalla serie Hyakunin isshu, pubblicata dall’editore Ebisu-y Shkichi, fra il 1840 e il 1842.

あしびきの 
山鳥の尾の 
しだり尾の 

ながながし夜を 
ひとりかもねむ

 

Ashibiki no 
Yamadori no o no 
Shidari o no 

Naganagashi yo o 
Hitori ka mo nen

 

Kakinomoto no Hitomaro

(? – 707 o 708)

 Dormirò, dunque solo  Dormirò solo  Dormirò dunque da solo
 in questa notte lunga, lunga  in questa notte lunga  in questa notte
 come la coda pendente  lunga e pendente  lunga quanto la coda
 del fagiano dorato  come la coda d’oro  di un fagiano
 che trascina i suoi passi?  dell’uccello dei monti.  di montagna?
 Trad. di Marcello Muccioli.  Trad. di Nicoletta Spadavecchia.  Trad. di Andrea Maurizi.

Fonte per il testo giapponese:

Japanese Text Initiative della University of Virginia Library.

 

Fonti delle traduzioni:

Marcello Muccioli (a cura di), La centuria poetica, Milano, SE, 2010 (prima edizione: Firenze, Sansoni, 1950).

Nicoletta Spadavecchia, Michelangelo Coviello (a cura di), Fujiwara Teika. Tanka. Antologia della poesia classica giapponese, Milano, Corpo 10, 1990.

Andrea Maurizi, Poesie di cento poeti in Virginia Sica, Francesca Tabarelli de Fatis (a cura di), Lo spirito giovane della calligrafia classica. Personale di Kataoka Shikō, Trento, Go Book, 2006.

☛ Ho scelto queste traduzioni e non altre, che pure esistono, perché già nella mia disponibilità.

 

☀️☀️☀️

L’immagine che ho scelto per illustrare il waka n°3 è di Utagawa Kuniyoshi, artista del tardo periodo Edo la cui sensibilità è, inevitabilmente, molto diversa da quella che ha dato origine al componimento che commenta.

E in questa immagine, ecco cosa vedo.

 

La scena è immersa nell’atmosfera di una sera d’autunno: ne sono indizi il giallo del fogliame della chioma dell’albero che si intravede nell’angolo a destra, oltre la veranda, e gli steli ondeggianti al vento delle eleganti erbe susuki, tracciate rapidamente sullo sfondo del cielo e contro le pendici della montagna. L’erba susuki è una delle sette erbe dell’autunno della tradizione classica e, da sola, rimanda alla stagione così come, del resto, la luna piena, la più bella dell’anno, secondo la sensibilità giapponese. Se non bastassero, però, questi elementi, ecco un ennesimo rimando: sul paravento, il percorso sinuoso di un fiume è reso “broccato d’autunno” dalle foglie di acero. Si tratta del  fiume Tatsuta, cantato dai poeti sin dall’antichità come uno dei topoi più suggestivi – e amati – dell’autunno. Ne sono esempio i versi: 

Tatsutagawa / momiji midarete /nagarumeri / wataraba nishiki / naka ya taenamu.

Sul fiume Tatsuta,

le radiose foglie sparse

fluttuano sospese.

Se l’attraverso, s’infrangerà

il fastoso drappo di broccato?

Anonimo (forse un imperatore di Nara), dal Kokinwakashū, antologia poetica imperiale del X secolo. Traduzione di Sagiyama Ikuko. 

 

In primo piano, appoggiato quasi languidamente al kyosoku (bracciolo), è l’anziano poeta, abbigliato secondo le vesti eleganti della corte imperiale. Contempla assorto il paesaggio notturno, alla luce di una candela, il pennello in mano e il corredo da scrittura davanti a sé. Comporrà dei versi? Li ha già composti? Non ci è dato sapere. Su cosa riflette il poeta? Forse sul fagiano di montagna dalla lunga coda (yamadori), metafora di chi è separato dalla persona amata per la lunga durata di una notte. Forse sulla propria età, stagione di solitudine e abbandono. Certo è questa l’impressione che resta della scena, la cui palette di colori spenti (probabilmente causati anche dallo stato di conservazione della stampa) accentua la consapevolezza che le parole del poeta sembrano rivelare.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin