Fonte: Nipponica 2019

Il Sole di Hiroshima:​

1000 lanterne galleggianti illumineranno Bologna il 6 agosto per ricordare le vittime dell’esplosione atomica di Hiroshima

 

Il ​6 agosto 2019 ​torna a ​Bologna ​Il Sole di Hiroshima​, la ​cerimonia delle lanterne galleggianti ​in ricordo delle vittime della bomba atomica che travolse la città di Hiroshima durante il secondo conflitto mondiale. L’evento, giunto alla IX edizione, è organizzato a ​scopo di beneficenza ​da Nipponica​, festival di cultura giapponese, e si terrà presso il ​parco del Cavaticcio​.

Durante la serata ​chiunque farà una piccola donazione riceverà una lanterna galleggiante ​in carta che potrà personalizzare con una dedica, una preghiera o un disegno. Quando il cielo inizierà a imbrunire comincerà la cerimonia: tutti i partecipanti ​accenderanno la propria lanterna e la poseranno sulle acque del laghetto ​del Cavaticcio, illuminando il parco con la ​tremolante luce di 1.000 candele ​e dando vita a un momento di riflessione e preghiera personale, ma al contempo condiviso, per sostenere la pace e l’armonia.

“​Il Sole di Hiroshima è​ nato per ​avvicinare l’Italia e il Giappone nel segno della solidarietà​” ha dichiarato ​Matteo Casari, Direttore Artistico di Nipponica​, che ha poi proseguito “​per ricordare il dramma della bomba atomica ma anche le difficoltà più recenti che ancora affliggono il Giappone ​a causa dei tragici eventi del 2011: il terremoto, lo tsunami e il disastro di Fukushima”.

La cerimonia delle lanterne galleggianti (tōrōnagashi) è celebrata in ogni anno in Giappone in occasione ​dell’Obon​, la festa dedicata al culto degli antenati durante la quale vengono accesi dei falò per guidare gli spiriti degli avi verso le case dei propri cari. Giunta la sera le lanterne galleggianti vengono accese e affidate alle acque per guidare gli spiriti verso il ritorno alla loro dimensione. A Hiroshima la cerimonia si celebra il 6 agosto proprio in ricordo delle vittime della bomba atomica.

“È un momento per ricordare ma anche per riflettere mettendo al centro l’essere umano e ciò che insieme possiamo fare per il nostro futuro. ​L’intero ricavato della serata sarà devoluto a due associazioni, una giapponese e una bolognese, entrambe attive nella tutela dei bambini​” ha aggiunto Matteo Casari. Una metà dei fondi raccolti andrà all’associazione giapponese ​Watanoha Smile​, che ha operato per il recupero psicologico dei bambini vittime dello tsunami del 2011 aiutandoli a ​realizzare giochi con le macerie ​lasciate dall’onda nel cortile della loro scuola e che tiene viva la memoria dell’accaduto con una mostra di tali creazioni. L’altra metà dei fondi andrà invece all’​Associazione Pollicino​, che affianca i bambini curati al ​Pronto Soccorso pediatrico “Gozzadini” di Bologna​, a supporto di un progetto volto a ridurre la paura e l’angoscia provate dai piccoli pazienti ricoveratirendendo più accogliente la struttura decorando i muri del Pronto soccorso ​con l’intervento artistico del writer Marco Alpi.

Foto: ©Nipponica 2018.

In occasione dell’evento sarà presente ​Tomo Inugai​, artista e ​Presidente dell’Associazione Watanoha Smile​, che ​racconterà la sua esperienza ​durante i drammatici giorni del marzo 2011, la situazione attuale in Giappone e i risultati raggiunti grazie alle donazioni raccolte in Italia. Durante la serata Tomo Inugai organizzerà inoltre ​un laboratorio per bambini ​in cui li guiderà nella creazione di piccoli oggetti partendo da materiali di recupero.

La serata sarà arricchita da ​Red Moon,​ una performance di ​live painting e live music ​in cui l’illustratore croato ​Danijel Zezelj​, le cui opere sono state pubblicate anche dal The New York Times Book Review e da Marvel Comics, ​disegnerà ispirato dalla musica del compositore e produttore Stefano Bechini​, che ha lavorato anche per etichette quali Sony Music, Warner Chappell e Disney Music Group. Il duo darà vita a un atto scenico dinamico di narrazione dal vivo, uno spettacolo costruito intrecciando elementi musicali e pittorici e fondendo il ritmo e il tempo della musica con il volume e lo spazio della pittura.

Infine, grazie alla collaborazione di ​ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione​, all’interno de ​Il Sole di Hiroshima s​ arà ospitato lo spettacolo ​Il coniglio che scoprì la luna​, ​con ​Donatella Allegro ​e ​Nicola Bortolotti ​e ​a cura di Giacomo Pedini​. Ritessendo i fili di una vecchia storia, che narra di sapere e di scelte, di conoscenza e morale, ​una lettura intorno all’intricato e irrisolto legame fra scienza ed etica.Nel ricordo della tragedia di Hiroshima e dell’incidente di Fukushima, fino a quali confini giunge il nostro desiderio di scoperta e la téchne che ne consegue?

L’evento, ​a ingresso libero​, inizierà alle ​17:30 con ​Watanoha Smile: un progetto, infiniti sorrisi -incontro con Tomo Inugai​, cui seguirà alle ​18:30 il laboratorio per bambini sempre a cura di Tomo Inugai​. Dalle ​18:30 inizierà inoltre la distribuzione delle lanterne galleggianti ​(fino ad esaurimento), mentre alle ​19:30 andrà in scena ​Red Moon​. Alle ​20:30 comincerà ​Il coniglio che scoprì la luna​, cui seguirà alle ​21:30 la cerimonia delle lanterne galleggianti​.

A partire dalle 18:30 sarà inoltre possibile ​degustare a prezzo ridotto i piatti giapponesi ​preparati daZUSHi Japanese Restaurant​, da prenotare online (​www.nipponica.it​), e una ​selezione di tè giapponesiin collaborazione con ​Il mondo di Eutepia​, mentre ​Elisa Menini​, fumettista autrice di ​Nippon Folklore (Oblomov Edizioni), imprimerà su borse di tela o magliette una grafica da lei creata per l’occasione. Anche una parte del ricavato di tali attività sarà devoluto ai due progetti di beneficenza supportati dall’evento.

➽ 🏮Chi non potrà essere presente alla cerimonia potrà comunque farlo a distanza, inviando una donazione online (​www.nipponica.it​) e il messaggio da riportare sulla propria lanterna, che durante l’evento messa in acqua insieme alle altre.

Il Sole di Hiroshima ​è ideato e organizzato da Nipponica, con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, del Consolato Generale del Giappone a Milano, della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Bologna e dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. L’evento rientra inoltre nell’ambito diL’Altra Sponda – Bologna Estate 2019​.

Scarica qui il comunicato stampa: cs_Il Sole di Hiroshima

➽ Dove? Bologna, Parco del Cavaticcio

➽ Quando? Il 6 agosto 2019.

➽ A che ora? A partire dalle ore 17.30.

Il Sole di Hiroshima: le lanterne galleggianti. Bologna, edizione 2018.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

🇯🇵 Scarica qui il volantino con il dettaglio delle attività: tanabatavolantino

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

 Via Marsala 4 – 20121 Milano

 

 

Paraventi Giapponesi- Galleria Nobili
è lieta di invitarvi alla presentazione di

SHINTOISMO 

Editrice Bibliografica, 2018

l’autrice Rossella Marangoni dialoga con Carmen Covito

Domenica 27 Gennaio 2019 ore 16.00
 

L’insieme composito di riti, culti e concezioni del sacro di varia provenienza che si svilupparono nel Giappone arcaico e che vennero successivamente compresi nella definizione convenzionale, seppur problematica, di shintō  (lett.“la via dei kami”), è stato considerato a lungo come la religione autoctona giapponese, ancestrale e immutabile, caratterizzata da una supposta “unicità”. Pur essendo ancora a volte presentato in tal modo, lo shintō è da circa un quarantennio sottoposto a una revisione interpretativa volta a metterne in luce la natura di fenomeno religioso eterogeneo e complesso, caratterizzato da una dialettica fra continuità e cambiamento, tra riti della regalità e pratiche di devozione popolare continuamente creati e rinnovati nel corso dei secoli. Questa breve introduzione vuole essere un invito a non limitarsi alle interpretazioni tradizionali e precostituite dello shintō bensì a prendere in esame una visione problematica di questa tradizione che ha interessato tutti gli aspetti della sfera emotiva dei Giapponesi, condizionandone le idee sulla natura, sull’esistenza e sulla morte, sulla società, sulla politica, sull’estetica: una tradizione ben viva nella quotidianità del Giappone contemporaneo.

 

Carmen Covito, scrittrice, è presidente dell’associazione culturale AsiaTeatro e dirige l’omonima rivista di studi online (www.asiateatro.it). Autrice di romanzi quasi sempre all’insegna della contaminazione di linguaggi, di genti e di registri stilistici diversi, si occupa da molti anni di diffondere la conoscenza della cultura giapponese. Membro dell’Aistugia (Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi) dal 1985, è anche socia fondatrice e vicepresidente dell’associazione culturale shodo.it che promuove la pratica della calligrafia sino-giapponese. 

 

Partecipazione libera, gradita prenotazione via mail a: info@paraventigiapponesi.it

 

 

PARAVENTI GIAPPONESI – GALLERIA NOBILI
          Via Marsala 4 20121 Milano 
          Lunedì 15.30-19.00; da Martedì/Sabato 11.00-19.00
          Telefono +39026551681

          info@paraventigiapponesi.it

          www.paraventigiapponesi.it

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

Vi aspettiamo!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 Ingresso libero.

Vi aspettiamo!

 

 

Editore: Editrice Bibliografica

Collana: I movimenti e le idee

Anno edizione: 2017

Pagine: 117 p. 

EAN: 9788870759211

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin