MILANO

La Galliavola Arte Orientale – corso di Porta Vittoria, 17– Milano

Per il XIV Milano Netsuke Meeting:

venerdì 31 maggio – ore 16

Conferenza: Dove si sposano le volpi. Bestiario giapponese fra stagioni e poesia.

Posti limitati. Prenotazione obbligatoria.

Per informazioni e prenotazioni: 02 76007706  oppure ☛ info@lagalliavola.com

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Rieccomi.

Dopo mesi intensi che mi hanno portato con la testa altrove.

Chiedo scusa. Sono di nuovo qui.

Sono tornata.

Dopo tre corsi in cui ho messo tutta me stessa, dopo aver terminato un libro che mi ha messo a dura prova e finalmente sta per uscire (Zen, per l’Editrice Bibliografica), dopo un viaggio impegnativo in Giappone, il mio diciottesimo, in cui ho provato, mai come questa volta, sentimenti contrastanti. In cui la moda imperante dei viaggi in Giappone “a tutti i costi” mi ha messo davanti a una considerazione impietosa: non vedrò forse più il Giappone come l’ho visto sino a due anni fa. Il tempo e le masse cambiano i luoghi.

Anche noi cambiamo. Anche i nostri amori maturano, si fanno consapevoli, ci pongono delle sfide. Ne nascono nuovi desideri: di approfondire temi, di visitare luoghi, di fermarsi a leggere un’iscrizione mentre alle tue spalle c’è chi preme, chi spinge per il selfie estremo, chi sbraita per radunare un gruppo. Per la prima volta ti scopri a pensare che vorresti essere altrove. Basta. Via dalla pazza folla.

 

Eppure, eppure.

Eppure proverò sempre gioia all’idea di tornare in Giappone.

Noi due, almeno, lo sappiamo. Non è forse vero?

Sappiamo i vicoli, i sentieri, le passeggiate insolite e i piccoli templi isolati. Riconosciamo il suono di un flauto lontano, captiamo la presenza di un matsuri, entriamo in giardini nascosti. Noi sì. Lascia che passi la buriana. 

Ancora potremo fermarci su una panchina a chiacchierare con pochi compagni, davanti a uno stagno su cui danzano le foglie dei salici, ammirando la semplice bellezza che ci circonda. Ancora scenderemo le scale di una stazioncina di campagna, ritrovandoci soli. 

Ancora apriremo gli ombrelli sotto la pioggia battente e poi, sotto porticati deserti, ascolteremo il suono dei nostri passi, nella sera.

Ancora ci fermeremo a leggere una poesia incisa su una pietra, ammireremo un dettaglio architettonico, inseguiremo con lo sguardo un insetto. 

E i nostri occhi ancora accarezzeranno il muschio fra le radici di un giardino.

Lasciando che nuovi turisti, a frotte, ci oltrepassino in fretta. 

E che ritorni il canto delle fronde e degli uccelli.

Un pomeriggio della nostra sfolgorante primavera. Nara, giardino Isuien, 3 maggio 2019.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

L’Associazione di Promozione Sociale Orto dei Sogni  

ed io

vi invitiamo da Tenoha Milano:
11 marzo, una data da non dimenticare


11 marzo 2011, una data da non dimenticare

 

Orto dei Sogni, in collaborazione con TENOHA MILANO, ha organizzato un evento per tenere viva la memoria di quell’11 marzo 2011 che otto anni fa ha sconvolto Fukushima.
Un’occasione per riunirci, rivedersi, conoscerci, discutere, riflettere e ricordare.

L’evento prevede la partecipazione della dott.ssa  Rossella Marangoni,  che terrà un intervento sul tema Shintō: spiritualità e natura nel cuore della cultura giapponese, e a seguire la proiezione di  Little Voices from Fukushima”  film-documentario della regista Hitomi Kamanaka.
 

Quando 

Lunedì 11 marzo 2019  dalle 19 alle 22

Dove
TENOHA MILANO   Via Vigevano, 18  20144 Milano
(MM2 Porta Genova)

 
*Evento a sostegno dei bambini di Fukushima   
*Ingresso libero fino a esaurimento posti
 
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

 

有明のかすみに匂う朝もよし如月ごろの夕月もよし

Ariake no

kasumi ni niou

asa mo yoshi

kisaragi goro no

yuuzuki mo yoshi.

 

Bella è l’alba

in cui la luna appare

pallida nella foschia.

Bella è anche la luna al tramonto

nel mese di febbraio.

 

Ōtagaki Rengetsu

(1791-1875)

 

Traduzione dal catalogo della mostra La poetessa Ōtagaki Rengetsu monaca viandante, a cura dell’Associazione shodo.it, 2014.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin